General

La Casa dei Popoli

Associazione: La casa dei popoli
Sito web:         http://www.lacasadeipopoli.it 
Settori di attività:
La Casa dei Popoli nasce
nel Febbraio 2006 su iniziativa della Città di Settimo Torinese, con la
finalità di creare uno spazio in cui si costruiscono culture di pace.
Vi partecipano associazioni che si occupano di solidarietà e
cooperazione internazionale.
Obiettivi:
Gli obiettivi dell’associazione sono:
Offrire
un luogo dedicato alla diffusione di informazioni, iniziative,
opportunità nell’ambito della cooperazione internazionale e
dell’educazione alla mondialità.
Facilitare lo scambio tra culture e la conoscenza degli altri popoli.
Realizzare un coordinamento armonico tra le iniziative realizzate dai soci della Casa dei Popoli.
Promuovere il commercio equo e solidale.
Progetti
Progetto E.R.I.C.A. 
Paese di intervento: Benin
Capofila del Progetto: ENAIP Piemonte, in rete con CISV
Descrizione generale:
Il
progetto è stato attuato nel Comune di Adjohoun (dipartimento di
Ouémé), situato a Sud – Est della Repubblica del Benin, 30 km a nord
della capitale amministrativa: Porto Novo. Il progetto si è posto
l’obiettivo di contribuire al miglioramento delle condizioni socio
economiche della popolazione del Comune di Adjohoun, soprattutto delle
donne e dei bambini in difficoltà, attraverso un approccio globale alle
questioni connesse all’infanzia. In questo contesto, si è provveduto
all’accompagnamento nell’acquisizione di competenze tecniche  e di
carattere normativo di gruppi di donne nel Comune di Adjohoun attraverso
lo sviluppo di attività redditizie, al fine di aumentare la loro
capacità di prese in carico dei loro figli, estendere la comunicazione
in materia di diritti fondamentali e di inserimento socio –
professionale dei minori in età lavorativa. I bambini individuati come
gruppo target, esclusi dal sistema scolastico formale e a rischio di
sfruttamento (matrimonio precoce o emigrazione per ricerca di lavoro),
sono stati accompagnati grazie alla pianificazione e alla realizzazione
di un dispositivo di apprendimento di lunga durata. Il rafforzamento
delle competenze dei formatori maestri artigiani, inoltre, ha permesso
di migliorare la qualità del servizio formativo fornito dal centro.
I beneficiari del progetto
Il progetto E.R.I.C.A. si pone un duplice gruppo target, ovvero:

DONNE
Tradizionalmente organizzate
in gruppi (GF) per assicurarsi la solidarietà reciproca per superare le
difficoltà e facilitare lo svolgimento delle loro attività. Nel comune
di Adjohoun esistono 87 gruppi che operano su base regolare, investendo
principalmente in settori tradizionalmente loro riservati, ovvero la
trasformazione e la commercializzazione delle colture alimentari
(manioca, frutta a guscio di palma, verdura) e marginalmente
l’allevamento e il giardinaggio. Ciascuno di questi gruppi è composto da
una media di 15/20 donne per un totale di circa 1.700 donne. I membri,
che provengono in prevalenza da strati della società svantaggiati,
appartengono a famiglie con una media di 5 bambini a carico.

BAMBINI IN DIFFICOLTA’
I
bambini di età compresa tra 05 e 18 anni rappresentano il 30% della
popolazione totale della città, per un totale di 18.286 persone. Essi
sono a rischio di TPE e questo impedisce il soddisfacimento dei loro
bisogni fondamentali.
Il progetto E.R.I.C.A. ha voluto contribuire
al miglioramento delle condizioni socio-economiche delle donne e dei
bambini in difficoltà del Comune di Adjohoun, attraverso un approccio
globale alle questioni connesse all’infanzia.
Obiettivi del progetto:
Nello specifico, a favore delle DONNE, il progetto ha previsto:
– il rafforzamento delle capacità sul piano tecnico, organizzativo e gestionale;
– la concessione di microcredito ai GF per permettere loro di disporre
della liquidità necessaria per la commercializzazione dei prodotti e per
le attività che gestiscono.
A favore dei BAMBINI, MINORI IN DIFFICOLTÀ E LORO FAMIGLIE, il progetto ha previsto:
– la sensibilizzazione diffusa e capillare sull’importanza della
pianificazione delle nascite, dell’istruzione e sui diritti dei minori
in generale;
– il sostegno all’operatività di un centro di
apprendimento per i bambini a rischio dispersione scolastica attraverso
l’elaborazione di un piano tecnico e finanziario e dell’offerta
formativa da sviluppare, collegandosi alle esperienze già in corso di
realizzazione negli altri centri del sud del paese;
– il
miglioramento delle competenze pedagogiche dei maestri artigiani
individuati come insegnanti, attraverso interventi di
formazione/aggiornamento.
L’associazione è impegnata nella realizzazione di numerosi altri progetti a livello internazionale.
La redazione di ProMosaik